Alla ricerca del galeone perduto #7

Forse Schurz non è la matrice.

La mia brama di conoscenza mi ha spinto troppo in là e ho ceduto al lato oscuro. Ancora una volta sono ritornata sui miei passi, insoddisfatta dall’inazione, frustrata nell’attesa della risposta dal FMSH.

anakin
Io nei momenti di #frustrazionedellostorico

Ho riposto ancora le mie speranze nella barra di ricerca di Googlebooks con questa query: « Everyone had perished of pestilence or starvation, and when sighted the silent galleon », la frase che veniva dopo l’estratto che non mi era permesso di vedere.

E…sorpresa!

content
Grazie Googleboks per questa magnifica risoluzione

Un altro testo emerge dai risultati.

Una rivista.

The Grace Log. Volumi 14-17 datato….1931.

8 anni prima del libro di Schurz.

Ora, la citazione di Schurz compare esattamente identica nel periodico. Quindi o quest’ultimo ha ripreso una pubblicazione di Schurz precedente al libro del 1939, o Schurz ha copiato pari pari il periodico.

Ma di che periodico stiamo parlando? Che cos’è questo The Grace log.?

Sede New Yorkese della WR Grace &Co
Sede New Yorkese della WR Grace &Co

Cerco il nome del periodico su internet ma non riesco a trovare nessuna pagina descrittiva, neppure wikipedia. Googlebooks mi dice che è pubblicato da W. R. Grace & Company, il cui nome sembra quello di una società, di un’impresa. Provo allora con il nome dell’editore. W. R.Grace & Company. E questa si rivela proprio una società che oggi si occupa di prodotti chimici. Ma allora perché scrivere un articolo sui galeoni di Manila?

At one time, Grace’s main business interest was in shipping.

wr-grace-co-adEcco perché.

La parabola della W.R. Grace & Co. sembra riprodurre lo stereotipo dell’impresa capitalista di fine ‘800:comincia nel settore dei trasporti e del commercio, si espande, si diversifica e si correda con le immancabili opere di filantropia. Ha un proprio giornale per gli azionisti, il The Grace log., sul quale si alternano articoli che celebrano le magnifiche sorti e progressive della compagnia con pezzi di cultura generale, aneddoti storici, curiosità in genere. Il tutto sempre legato alle varie attività della società. Una forma di pubblicità che, ad oggi, non è cambiata gran che.

Ora, anche questo periodico è visibile solo in un breve estratto su Googlebooks. Non posso leggere nemmeno il titolo dell’articolo o un eventuale autore. La cosa mi innervosisce alquanto. Bene, troviamo il maledetto periodico in una biblioteca. Worldcat vieni a me….Niente. Pare che nel mondo non esista più il volume del 1931.  E Sudoc questa volta non mi aiuta.

Ma….

1003bustamante01…la FMSH mi stupisce, di nuovo.

Possiede infatti nella sua collezione W.R. Grace & Co : the formative years : 1850-1930 di Lawrence A. Clayton. Vero è che si ferma al 1930, ma nella bibliografia potrei ritrovare citato il mio periodico. Finger Crossed. 🤞🤞🤞

In ogni caso bisogna capire se il The Grace log. abbia ripreso una pubblicazione di Schurz precedente al libro. Già dal 1917 Shurz scriveva articoli sul Galeone di Manila, quindi è possibile che l’aneddoto venga da l. Tuttavia in nessuno dei tre articoli di Schurz presenti su Jstor si fa menzione del galeone perduto [qui, qui e qui]

1593 Jode New World map - Estratto
1593 Jode New World map – Estratto

Continuando a cercare le pubblicazioni Schurz, mi imbatto persino nella sua tesi di laurea, disponibile in versione integrale  a partire da Worldcat. Unendo in una stessa query su Google i nomi di Schurz e del San José trovo anche la conferma che l’aneddoto sia legato ai suoi studi.  This is data mining, gentlemen.

Ma non trovo nulla sul San José o su un galeone perduto negli articoli di Schurz pubblicati prima del 1931 e a cui, eventualmente, il The Grace log. avrebbe potuto avere accesso.

Ci potrebbe essere però un’altra spiegazione: lo stesso William L. Schurz potrebbe essere l’autore dell’articolo sul periodico. Perché no? Una famosa impresa vuole dare ai suoi azionisti la possibilità di leggere articoli culturali di alto livello…perché non invitare uno storico, per di più dell’economia, a scrivere della materia di cui è specialista?

Ho la sensazione che troverò tutte le risposte nel libro The Manila Galleon, conservato alla FMSH, ma nemmeno i miei nuovi poteri oscuri possono nulla contro la monolitica burocrazia francese.

[to be continued]

Alla ricerca del galeone perduto #6

Schurz, 265-66

Un nome, due numeri.

Il primo riferimento bibliografico dopo settimane di ricerche infruttuose.

Tuttavia restano pur sempre un nome e due numeri, niente di più. Un riferimento all’anglosassone non corredato da bibliografia. Questo pone il problema di risalire allo Schurz giusto e all’opera precisa del suddetto Schurz, che a pagina 265-66 dovrebbe contenere la mia preziosa citazione.

Non so per quale fortunosa congiunzione astrale non esistono molti Schurz che hanno scritto opere vagamente connesse coi Galeoni di Manila, anzi, a dire la verità ce n’è uno soltanto (#tipiacevincerefacile).

william_lytle_schurz_the_michigan_alumnus_1916 William Lytle Schurz, nato in Ohio nel 1886 e morto a Phoenix nel 1962. Storico dell’economia (un collega!) specializzato nello spazio latino americano. Unica pagina wikipedia trovata: in spagnolo e parecchio scarna. Altre pagine mi dicono che ha insegnato in varie università americane e che la sua opera omnia è nientemeno che… « The Manila Galleon, his 1939 landmark study on the Spanish empire’s trans-Pacific commerce« .

I got it.

86280aSchurz, William Lytle, The Manila Gallion, Dutton, 1939.

Svariate edizioni, più di 40.

Almeno tre articoli derivati su Jstor, diverse recensioni, tutte positive.

Immagino dunque che debba essere un libro da veri storici, e dell’economia per giunta, quindi mi aspetto delle note precise e dettagliate.

Su Googlebooks ci sono 12 edizioni: alcune non disponibili in anteprima, altre presenti in frammenti. Tocca aprirle una ad una e cercare parole chiave dell’estratto. Le due parole più caratteristiche potrebbero essere Calderon Enriquez e la data, 1657.

E c’est parti.

Al quinto tentativo ecco apparire finalmente la citazione che cerco. Con 1657 riesco ad arrivare solo fino a un certo punto dell’anteprima, ma googlebooks non mi lascia aprire la pagina, cerco allora di raggirarlo con un’altra parola chiave, pestilence funziona (sarà un segno per indicarmi anche la causa della morte dell’equipaggio?).

Ma, con mio grandissimo disappunto non ci sono segni di apici che rimandino a note a piè di pagina. Delusione. Pero potrebbe ancora darsi che ci siano delle note di chiusura….

Per scoprirlo pero devo trovare il libro.

Preparandomi per l’inevitabile delusione, visto che si tratta di un libro del 1939 di un storico statunitense che non ha nemmeno una pagina su wikipedia in inglese, apro worldcat e lancio la ricerca.Come temevo la biblioteca più vicina indicata dal sito sta in Israele. Potrei fare un PEB, ma immagino lo sguardo omicida dei bibliotecari e mi passa la voglia.

La mia fortunosa congiunzione astrale si è già esaurita? Che tristezza, che vita grama…

In un impeto di sadismo, tanto perché lo so già che non lo troverò, accedo a Sudoc, la base dati delle biblioteche universitarie di tutta la Francia, e lancio la ricerca.

….guardo lo schermo, sono pietrificata.

Il libro c’è!

logofmshE per un non so quale stato di grazia, una delle due copie esistenti in Francia sta a Parigi, alla biblioteca della Fondation Maison Sciences de l’Hommes, ubicata in 190 Avenue de France, a due passi da Paris 7 e di cui HO LA TESSERA.

Sto aspettando
Sto aspettando

Tutta questa Fortuna però non poteva essere gratuita e la dea bendata è giunta inesorabile a chiedere conto: la mia tessera FMSH è scaduta a novembre e io non l’ho rinnovata. Tocca fare una procedura online e attendere la conferma di rinnovo a 48h dall’invio. Pago pegno. Ora non resta che attendere, impazientemente, che la procedura vada a buon fine.

Grazie Fortuna.

[to be continued]

 

 

 

Alla ricerca del galeone perduto #5

Come è possibile che il racconto del galeone perduto non sia altro che una storia di fantasmi? Come giustificare la presenza di questa storia nella letteratura scientifica? E’ davvero solo una leggenda? E allora, che cosa pensare di tutti coloro che hanno ceduto al suo fascino? E’ cosi facile cedere alla tentazione del meraviglioso e abbandonare la via della conoscenza scientifica?

Adesso lo apro, stolti!
Adesso lo apro, stolti!

Questa storia del galeone perduto mi sta sfuggendo di mano. Troppe porte sono state aperte, il vaso di pandora delle domande esistenziali è pericolosamente vicino a frantumarsi in mille pezzi.

Ritorniamo allora coi piedi ben saldi a terra, ben saldi alle note a piè di pagina, alle fonti. Chi ha citato questo aneddoto e come. Dobbiamo ritornare indietro e rileggerle, per riappropriarcene nuovamente.

Dobbiamo « disimparare ciò che abbiamo imparato ».

yoda-learn

Le cas le plus effrayant est celui du San Josè, que l’on retrouva en 1657 après plus d’une année en mer , dérivant vers le sud au large de la côte, sous Acapulco, chargé de cadavres de marins morts de faim et de soif, avec une cale rempli de soieries. Timothy Brook, Le chapeau de Vermeer.

Cuando el galeón de Manila “San José” pasa de largo el puerto de Acapulco (México) lo abordan con barcas frente a Huatulco (Oaxaca) y descubren que todo el pasaje está muerto y momificado, habiendo estado en el mar más de un año (según otra fuente se trataría del “Nuestra Señora de la Victoria”, salido de Cavite el 20 may 1656, que tras tocar las costas de Tehuantepec zarparía erróneamente hacia el S y guiado por los vecinos hacia el golfo de Fonseca lograría fondear en Amapala (hoy Pueblo Viejo; munic. La Unión; El Salvador) el 29 may con 150 muertos).  Cronologìa Historìca.com

Rappelons le cas du galion Nuestra Señora de la Victoria qui en 1657 passa au large d’Acapulco et qui, poussé par les courants, arriva ensuite au large de Huatulco: à bord, on ne trouva que des squelettes. Beatriz Palazuelos Mazara, Acapulco et le Galion de Manille, la realité quotidienne au XVIIe siècle.

In 1657, the entire crew of the San Jose were reported to have died and the ship was found drifting off Guatulo below Acapulco. The San Jose had left more than a year before. All itsprovisions were gone and there was no one on board who could lift a hand to rope or wheel. Everyone had perished of pestilence or starvation, and when sighted, the silent galleon with her freight of silks and cadavers was driftingsouthward into the tropics. Rolando G. Talampas,Life and Times of Filipino Seamen During the Period of Spanish Colonialism.

15658744_10206568962097674_1031341870_oOn one of two Manila galleons sailing jointly in 1657, all 450 people aboard succumbed to a smallpox epidemic. About half of the 400 aboard the other galleon also died. California State Land Commission Archive, Calendar Item n.27 Salvage Permit.

[parlando di imprevisti aumenti di durata del viaggio] This presumibly accounts for the appearence of a « ghost » galleon off the coast of Guerrero in 1657 with not a single member of the crew of passenger left alive after a year at sea. Greg Bankoff,Wings of Colonisation.

nigerdelta_nasaQueste sono solo alcune delle decine di citazioni dell’episodio reperibili su internet da siti, blog, documenti di ogni genere, amatori e studiosi, cacciatori di tesori e siti di archeologia subacquea, storici di professione e appassionati. L’informazione sembra essere giunta a ogni tipo di pubblico, ma la proliferazione e la disseminazione non nascono dal nulla e risalendo il flusso dei tanti rivoli di questo fiume arriveremo alla sorgente. Consapevoli del saggio ragguaglio di Marc Bloch, padre spirituale di tutti gli storici, sappiamo che l’origine non è un punto preciso, non è una causa, ma è una matrice.

Ora a guidarmi non è più il desiderio di sapere se la nave fosse la San José o la Nuestra Senora de la Victoria, ma è quello di cercare la fonte, quel pezzo di carta che, disperso in un archivio da qualche parte nel mondo, racconta per la prima volta del galeone perduto nel Golfo di Fonseca, un giorno di maggio del 1657.

Ci siamo, quasi
Ci siamo, quasi

Ma da nessuna parte riesco a trovare qualcuno che mi aiuti. Nessuno di quegli storici, studiosi e appassionati suggerisce dove ha letto di quel galeone…

…mi muovo alla cieca, seguendo l’istinto…

…quando infine, nel fondo della pagina del blog La América Española, trovo questo:

https://sites.google.com/site/manilagalleonlisting/16th-century

Un altro registro di partenze e arrivi dei Galeoni di Manila, diviso per anni, ogni informazione referenziata con la citazione della fonte. Sto guardando nello schermo le porte del paradiso e quasi non oso fare clic per entrarci.

Ma alla fine, un gradino dopo l’altro, una sottocategoria dopo l’altra, arrivo al mio documento. Tiro un bel respiro, lo apro e…….


Galleons, 1657

Conclusions:

Arrival, Manila, none.

Departure, Manila, ?the San José.

Arrival, Acapulco, ?the San José.

Departure, Acapulco, none.

Data drawn upon: Atmospheric Circulation Changes, WWW site, p. 20, Ruta Acapulco-Filipinas: unambiguous statement, “NO HAY SOCORRO.”

Dahlgren, no data.

Schurz, 265-66: “The most extreme case [of illness and death, Manila to Acapulco] was that of a galleon of the same century [17th], which was picked up off Guatulco below Acapulco, past which port she had drifted helplessly.  All on board were dead, as in the derelict ships of the Black Death.  The sad record the judge, Calderón Enríquez, found long afterwards in the archives at Acapulco.  This was probably the San José, first of her name, of whose dolorous voyage Viceroy Albuquerque informed the king on the day in 1657 when a courier had just reached Mexico with news of the galleon’s belated arrival at Acapulco.  She had left Manila more than a year before.  All her provisions were gone and there was no one on board who could lift a hand to rope or wheel.  Everyone had perished of pestilence or starvation, and when sighted the silent galleon with her freight of silks and cadavers was driving southward into the tropics.”  I put the data from this strange voyage under this year of 1657, but I am not confident of the date nor of the incident itself.


L’ho trovato.

Ho trovato la matrice.

[to be continued]

 

Alla ricerca del Galeone perduto #4

Nessun dubbio! sette miglia lontano ci spinse la tempesta dal porto sicuro. Così, vicino alla meta, dopo lungo viaggio, mi era ancora riservato il brutto tiro!.

Wagner, Der Fliegende Holländer (l’Olandese volante) – atto primo

In un giorno di maggio del 1657, una nave venne ritrovata al largo delle coste del Guatemala, presumibilmente all’altezza del Golfo di Fonseca, carica di sete e ricchezze orientali e popolata dai cadaveri dei suoi sventurati marinai. Possiamo pensare a quante domande passarono per la mente di coloro che fecero la macabra scoperta: « cosa è successo? si erano persi? come? quando? perchè sono morti tutti? »Pirati dei Caraibi (Film) - GIFMANIA

Le navi fantasma sono sempre state oggetto di interesse: protagoniste di racconti avvincenti e paurosi, appassionanti e terrificanti, incarnano non soltanto emozioni ancestrali come la paura della morte e dell’ignoto, ma anche l’aspirazione alla conoscenza per superarle. Le navi fantasma sono il mistero per antonomasia, un mistero sublime che terrorizza e, proprio per questo, affascina, come un film dell’orrore (o un’opera di Wagner).

Richard Wagner « avete paura eh? »
Frontispiece to the novel The Phantom Ship by Frederick Marryat. Published by Richard Bentley, London. 1847 edition. by Wikimedia commons
Frontispiece to the novel The Phantom Ship by Frederick Marryat. Published by Richard Bentley, London. 1847 edition. by Wikimedia commons

Al di là della simbologia e della dimensione immaginifica, le navi fantasma sono anche la trasfigurazione di fatti reali e, nello specifico, della grande frequenza degli incidenti di navigazione. Inoltre, nell’immaginario comune, la nave fantasma è quasi sempre una nave a vela di epoca moderna. Perchè? Da un lato si tratta di uno stereotipo veicolato dalla letteratura sul tema, ambientata soprattutto nella seconda età moderna (ad esempio il filone della pirateria con il celebre romanzo di Stevenson), dall’altro ciò è il risultato di una condizione storica: con l’apertura delle rotte oceaniche a partire dal XVI secolo, l’intensificazione dei viaggi e del numero di navi impegnate nei commerci transcontinentali porta anche, banalmente, all’aumento della frequenza di incidenti marittimi [per approfondire qui]. Fino all’installazione della radio sulle navi, cioè nel XX secolo, gli incidenti non potevano essere percepiti se non attraverso le loro conseguenze, ovvero il mancato arrivo a destinazione. In altre parole, si rendevano visibili con l’invisibile. Il legame con la simbologia del fantasma appare allora quasi banale.

Diverse stime sono state fatte sui rischi del viaggio Acapulco Manila: Pierre Chaunu, ad esempio, riporta un tasso di mortalità fra il 30 e il 40%; un registro dei naufragi delle Filippine riporta, fra il 1576 e il 1798, il naufragio di 20 Galeoni di Manila; un articolo molto dettagliato dell‘International Journal of Asian Pacific Studies ne riporta 59 fra il 1568 e il 1806.  Questi numeri concordano con il Registro del Galeone di Manila a nostra disposizione in cui, fra il 1520 e il 1800, si segnalano almeno 30 navi perse (considerando le navi dichiarate « perdida »). Interessante notare che, per quanto il calcolo possa essere approssimativo, si persero più navi fra Manila e Acapulco che l’inverso. Cio è sintomo del maggior rischio della prima rotta, risultato di diverse circostanze (venti in primis) Questa osservazione è avvalorata non solo dalla letteratura scientifica, ma anche dagli stessi uomini dell’epoca, che definivano ruta de las Damas (rotta delle donne) il viaggio Messico-Filippine.

elaborazione propria
elaborazione propria

Tuttavia questi numeri si riferiscono alle navi scomparse perché affondate o catturate, il nostro galeone fu ritrovato intatto, ma pieno di cadaveri. Possiamo allora immaginare diversi scenari (e sottolineo immaginare): 1. il navigatore è morto o impossibilitato a ritrovare la rotta giusta per arrivare a Acapulco (dopo essersi persi per una tempesta? per aver calcolato male la rotta in principio?); 2. la nave è rimasta bloccata per un qualche motivo e tutti sono morti senza poter fare nulla; 3. i marinai sono stati uccisi da malattie o altri esseri umani (perchè? rapina? pirateria?ma il carico?…). Nonostante la presenza di potenziali « nemici » nella zona, l’ipotesi più probabile, perché banalmente è la più semplice da giustificare, è la seconda e il colpevole in questo caso sarebbe niente più che un evento meteorologico: la bonaccia.

Bonaccia - Van de Cappelle Jan
Bonaccia – Van de Cappelle Jan

L’apparizione di navi fantasma dalla nebbia di acque immobili non è solo un incubo stereotipato: la bonaccia poteva immobilizzare i vascelli e sterminare i marinai per sete e per fame….dead calm…Una volta dato fondo alle scorte, infatti, gli uomini dovevano procurarsi  acqua e cibo dall’ambiente circostante, il quale forniva ben poche alternative. Tuttavia altre due cause possono rendere una nave fantasma : le epidemie, – che in alto mare e in uno spazio ristretto come una nave possono contagiare tutti in pochissimo tempo-…

…de disentería es raro el que se escapa, por allí nos sucedía echar tres o cuatro muertos al agua cada día; de tal manera que en menos de quince días echamos noventa y dos muertos; con que ajustado el viaje, sin los que murieron en Acapulco, que fueron nueve, de cuatrocientas personas que vendríamos entre marineros y grumetes, llegamos ciento noventa y dos…

CUBERO SEBASTIÁN, Pedro, Peregrinación del Mundo, Madrid, 2007, p. 342.

Mutineers of the Bounty by Jules Verne, illustration by Leon Bennett
Mutineers of the Bounty by Jules Verne, illustration by Leon Bennett

…e gli episodi violenti, come un attacco pirata o un ammutinamento. Queste ultime due sembrano però inverosimili nel nostro caso poiché tutti il ricco carico della nave rimase a bordo. In epoca contemporanea è molto più raro trovarsi di fronte a casi di « navi fantasma », ma mai dire mai.

Il ritrovamento di un vascello abbandonato pone perciò una serie di problemi: riconoscere la sua identità, le rotte percorse, indagare la causa di morte dell’equipaggio, capire se qualcuno è sopravvissuto e, se si, rintracciarlo. Il modo più facile per risolvere il mistero è leggere il diario di bordo, su cui il capitano annotava giornalmente gli spostamenti, la rotta e gli avvenimenti maggiori.  Possiamo considerare allora il nostro galeone perduto come un galeone fantasma ma, purtroppo, non disponiamo del diario di bordo o, comunque, di nessuna altra fonte che ce ne parli (#frustrazionedellostorico). Possiamo pero continuare a indagare attraverso altre fonti « secondarie ».

Sul portale Archive PortalEurope nella sezione Spagna, Archivo General de Indias, nella serie Gobierno, Cartas y expedientes de oficiales reales de Filipinas, Carta del Cabildo secular de Manila sobre varios asuntos 1656-7-15. Manila, nel Cat. 19933 troviamo il fascicolo arribadas del galeón Nuestra Señora de la Victoria y de un patache. Grazie all’invenzione della digitalizzazione e dell’open access e per un inaspettato colpo di fortuna, questo documento è disponibile alla lettura e quindi, avidamente, apro il file relativo e rimango sorpresa non solo per la qualità dell’immagine, ma anche per la velocità di caricamento. Chapeau. Comunque, nel documento non c’è gran che eccetto questa frase:

Documentos de la Seción de Filipinas. Archivo General de Indias.
Documentos de la Seción de Filipinas. Archivo General de Indias.

…como lo hizo en el Galeon Nuestra Senora de la Victoria que por ultimo de julio del ano pasado 655 se despacho a la nueva espana y despues con su arrivada lo boluis hacer en un patache que por noviembre de dicho ano se despacho y no pudo hacer viaje volviendo de arrivada al puerto de Cavite.

Ma siamo ancora nel 1655 quindi non questo documento non fornisce alcuna informazione aggiuntiva che chiarisca la storia del galeone perduto.

Tuttavia, la trascrizione aggiornata dei registri del Galeone di Manila riserva ancora delle sorprese: nelle note sul versamento del salario ai capitani compaiono non solo le conferme di pagamento, ma anche informazioni su arrivi e partenza. In particolare alla data 1658 della Tavola 1 : Rotta Acapulco Manila:

Salidas: (Cont-905B). Nao N.S. Victoria “estuvo de invernada hasta el 5 de marzo de 1658 que volvió de tornaviaje” “Nao San José “estuvo de invernada hasta 25 de marzo de 1658…” Llegada: “almiranta y capitana tomaron el puerto de Manila a 8-ago y 3-sep de 1658” (Fil-23, R2, N4)

e alla data 1656 della tavola 2 : Rotta Manila Acapulco

(Cont. 905 B) Pago al almirante Francisco García del Fresno sueldo por 192 dís que sirvió como capitán de la almiranta N.S. Victoria desde 17 de julio de 1656 que salió de Cavite hasta 24 de enero de 1657. Pago al Capitán Salvador Pérez piloto mayor de la nao San José, que salió de Cavite el 30 de julio de 1656 y llegó a Acapulco el 15 de marzo de 1657. Pago a Gaspar Barragán, marinero de la Nao San José. Desde 15 de marzo de 1657 que dió fondo en la bahía de Acapulco y estuvo de invernada hasta 25 de marzo de 1658.

Inoltre alla stessa data:

Salí yo del puerto de Cavite el año de 1648 y duró el viaje 7 meses y 8 días y el año de 1656 salí a último de julio y duró 7 meses y medio

Facciamo un breve ragionamento sulle date :

17 luglio 1656 – 24 gennaio 1657 : La NS Victoria fa Cavite Acapulco

30 luglio 1656 – 15 marzo 1657 : la San José fa Cavite Acapulco

15 marzo 1657 – 5 marzo 1658 : La NS Victoria resta a Acapulco

15 marzo 1657 – 25 marzo 1658 : la San José resta a Acapulco

5 marzo 1658 – 8 ago 1658 : La NS Victoria fa Acapulco Manila

25 marzo 1658 – 3 settembre 1658 : la San José fa Acapulco Manila

fonsecaConsiderando che il tempo di viaggio fra Acapulco e Manila nel XVII secolo era di circa sette mesi e mezzo e che, a quanto sembra, nel maggio 1657 le due navi rimasero alla fonda a Acapulco, come fu possibile che una delle due si trovasse contemporaneamente al sicuro in un porto e alla deriva nel golfo di Fonseca ? E, se anche si fosse trovata li, veniva da Acapulco o da Manila ?

Carta dei Mari del Sud. Fonte: Wikimedia Commons {{PD-1923}}
Carta dei Mari del Sud. Fonte: Wikimedia Commons {{PD-1923}}

Ritornando alla letteratura troviamo moltissimi estratti riguardanti il « caso » del San José/Nuestra Senora, ad esempio

Rappelons le cas du galion Nuestra Señora de la Victoria qui en 1657 passa au large d’Acapulco et qui, poussé par les courants, arriva ensuite au large de Huatulco: à bord, on ne trouva que des squelettes.

Beatriz Palazuelos MazaraAcapulco et le Galion de Manille, la realité quotidienne au XVIIe siècle.

Oppure

Al mismo tiempo se despacho la nao San José que volvio en 1663 despues de haberse dado por perdido. Ana María Prieto Lucena, Sabiniano Manrique de Lara, Filipinas durante el gobierno de Manrique de Lara, 1653-1663.

A proposito di quest’ultima ritrovo la seguente nota nel registro dei galeoni all’anno 1660 Tavola 1:

(Fil. 23, R2, N4) de las cartas que el gobernador Don Sabiniano Manrique escribio a S.M. a 20 de julio de 1661: “De la nao San José que Esperaba de Nueva España no llevo razon, por haber llegado a reconocer las costas de Lampon a mediados de septiembre y impelido por los tiempos fue a dar a la ensenada de Naga, provincia de Camarines, salvando de milagro…”

Quindi il galeone San José si perse (anche?) nel 1661 senza pero conseguenze fatali sul suo equipaggio.

Johann Gehrts (1855-1921) - Paul Gerhardt Heims: Seespuk: Aberglauben, Märchen, und Schnurren in Seemannskreisen. Leipzig 1888, S. 97
Johann Gehrts (1855-1921) – Paul Gerhardt Heims: Seespuk: Aberglauben, Märchen, und Schnurren in Seemannskreisen. Leipzig 1888, S. 97

Nessuno dei testi visti finora giustifica l’episodio con un rimando in nota. Ritorniamo dunque sempre al punto di partenza: non c’è una fonte originale che ci indichi con certezza che il fatto sia veramente accaduto.

Comincio allora a pensare che questa storia del galeone perduto stia diventando sempre più simile a una leggenda di galeoni fantasma.