Alla ricerca del galeone perduto #8

 that Voyage…is enough to destroy a Man, or make him unfit for anything as long as he lives. Giovanni Francesco Gemelli Careri, Giro del mondo, 9 vol., Venezia 1719, in Schurz, The manila Galleon, 1939, p. 274.

Sono passate diverse settimane dall’inizio del mio viaggio alla ricerca del galeone perduto. L’impresa non è stata facile e il web si è rivelato un ambiente ostile alla sopravvivenza: la sua sterminata ricchezza nascondeva trappole, piante velenose e sostanze urticanti che hanno rallentato la marcia, portandola su piste false o in luoghi pericolosi. Rigogliosa come una foresta pluviale, la rete ha permesso la riproduzione dell’aneddoto del San José in modo incontrollato e schizofrenico, perdendo così una parte essenziale del suo genoma: la fonte. Tuttavia, quando ormai abbandonare la nave sembra inevitabile, ecco apparire un indizio interessante: un dato corredato da citazione bibliografica autorevole, ma soprattutto verificabile.

Schurz, 265-66

20170110_172228Ed eccoci dunque nell’ora della verità, davanti alla copertina di The Manila Galleon di William R. Schurz, scritto nel 1939 dopo, cito dalla quarta di copertina, « 27 anni di ricerca sulla romantica epopea dei grandi galeoni spagnoli, i più affascinanti della storia di tutti i mari ». Non avrò ricercato per mezzo lustro, ma anche io ne ho fatta di fatica per trovarti…

Con una certa reverenza (non sara l’edizione del 1939, ma questo libro ha comunque 58 anni di vita e costa, oggi, 15 volte di più che i 2,25 dollari del 1959), apro il piccolo tomo alla pagina 265. Giro la pagina e….

20170110_164315e

Nessuna nota.

 

 

 

 

 

Anche l’ultima speranza si infrange così? Per una reticenza, una mancanza, un’omissione di fonte, la storia del galeone perduto rimarrà un mistero, una leggenda, uno dei tanti racconti di navi fantasma?

Mi rifiuto di arrendermi. Non può finire così, non si può perdere la speranza. Uno storico ha altri mezzi per trovare la risposta che cerca, altri modi di leggere i materiali che possiede, modi non lineari, a volte guidati dall’intuito o, sovente, da una fortuna molto sfacciata.  E fortunatamente Marc Bloch ci ha insegnato che  non esiste la domanda giusta da porre alla fonte, ne esistono infinite.

newsextra_212458…ce choix raisonné des questions, extrêmement souple, susceptible de se charger chemin faisant d’une multitude d’articles nouveaux, ouvert à toutes les surprises… M. Bloch, Apologie pour l’Histoire, p. 39.

20170110_170839E allora cerchiamo di attingere al massimo alle fonti che abbiamo. Il modo migliore per interrogare il testo è partire dall’indice (tavola dei contenuti), ma quello di Schurz non ci aiuta gran che. Il secondo modo è interrogare gli « altri » indici, ad esempio quello dei nomi, posto solitamente nelle ultime pagine. Ecco infatti che a pagina 449 disponiamo di un indice dei nomi, un po’ scarno, ma ci arrangiamo.

Iniziamo prima di tutto con il nome del galeone, San José. Potrebbe essere che Schurz lo citi in altre parti del libro.

Ci sono diversi rimandi, ma l’unico che potrebbe riferirsi al nostro galeone è a pagina 259-260 e riguarda del naufragio del San José avvenuto il 3 luglio 1694 a causa di una tempesta nei pressi dell’isola di Lubang, nelle Filippine.

Study for 'The Shipwreck': A Sinking Ship and a Boat in Rough Seas circa 1805 Joseph Mallord William Turner 1775-1851 Accepted by the nation as part of the Turner Bequest 1856 http://www.tate.org.uk/art/work/D05386
Study for ‘The Shipwreck’: A Sinking Ship and a Boat in Rough Seas circa 1805 Joseph Mallord William Turner 1775-1851 Accepted by the nation as part of the Turner Bequest 1856

Uno sguardo ai nome in N per rendersi conto che di un eventuale Nuestra Señora de la Victoria non vi è traccia.

Invece, la bibliografia conferma che l’articolo sul sul The Grace Log. nel 1931 è proprio da attribuire a Schurz, come avevamo pensato.

20170110_170618k

Ritorniamo però ora alla citazione di pagina 265-66

The most extreme case was that of a galleon of the same century, which was picked up off Guatulco below Acapulco, past which port she had drifted helplessly.  All on board were dead, as in the derelict ships of the Black Death.  The sad record the judge, Calderón Enríquez, found long afterwards in the archives at Acapulco.  This was probably the San José, first of her name, of whose dolorous voyage Viceroy Albuquerque informed the king on the day in 1657 when a courier had just reached Mexico with news of the galleon’s belated arrival at Acapulco.  She had left Manila more than a year before.  All her provisions were gone and there was no one on board who could lift a hand to rope or wheel.  Everyone had perished of pestilence or starvation, and when sighted the silent galleon with her freight of silks and cadavers was driving southward into the tropics.

tablet_con_documento_antico_a_tutto_schermo
reydeespana@gouv.es – tiene un nuevo mensaje –

In realtà qui Schurz cita due fonti: un « triste rapporto » che un certo giudice Calderon Enriquez trovò negli archivi di Acapulco e il fatto che il Viceré di Albuquerque informò il re della macabra scoperta.

Una cosa che si può subito notare è che la citazione fornisce una risposta a una delle nostre domande e cioè che il galeone si sia perso sulla rotta Manila-Acapulco (arrivo tardivo). Ci deve essere quindi un errore nei registri che abbiamo esaminato nei precedenti episodi, i quali riportavano il Nuestra Señora e il San José alla fonda ad Acapulco nel momento in cui una delle due avrebbe dovuto trovarsi persa nel Golfo di Fonseca.

Schruz, The Manila Galleon, 1959.
Schruz, The Manila Galleon, 1959.

Ma torniamo ai due personaggi citati da Schurz: Calderon Enriquez e Albuquerque. Su Calderon Enriquez ci sono altri due rimandi nell’indice dei nomi, che collocano questo personaggio nell’America spagnola negli anni 40 del XVIII secolo nelle vesti di « official » e « member of the Audiencia ». Infatti Calderon Enriquez fu « oidor de la Real Audiencia de Manila » fino al 22 maggio 1776, giorno del suo pensionamento.

CONTRATACION,5483,N.1,R.18
CONTRATACION,5483,N.1,R.18

Ciò significa che Calderon Enriquez deve aver trovato il « triste rapporto » in un periodo che varia fra gli 80 e i 110 anni dopo l’episodio. Il decalage temporale invita dunque prendere l’informazione con una certa cautela. Dove sia poi finito il rapporto in questione non lo sappiamo. (Sarà stato lui a non rimetterlo bene al suo posto in archivio?).

Poi, abbiamo invece un riferimento al Viceré Albuquerque.

Ma quale dei tanti?

franciscofernandezdelacueva
Francisco offeso dal fatto che non l’abbiamo riconosciuto subito

L’indice dei nomi ci aiuta: Francisco Fernandez de la Cueva, ottavo duca di Albuquerque, ventiduesimo Vicerè della Nuova Spagna e quarantacinquesimo Vicerè di Sicilia.

Testimone indiretto, ma contemporaneo di quanto avvenuto al galeone San José, informò il re del fatto. Possiamo pensare che la notizia non fosse cosi importante da meritare un dispaccio dedicato, ma che la notizia sia stata scritta insieme ad altre in un resoconto generale. Bisogna infatti considerare le difficoltà di comunicazione fra la Nuova Spagna e la madrepatria: una lettera scritta nel Nuovo Mondo poteva infatti arrivare nelle mani del re dopo sei mesi, perciò non si potevano sprecare occasioni scrivendo solo storie di navi fantasma.

treasureIpotizzando quindi che il galeone sia stato ritrovato alla fine del maggio 1657 (come riportano diverse fonti viste in precedenza) e che Albuquerque abbia ricevuto la notizia con rapidità, la lettera non sarebbe potuta partire prima del gennaio successivo, poiché venivano organizzate solo due traversate all’anno: una a gennaio e un’altra fra aprile e maggio.

Illustrazioni di una ricerca di storia di un parente dell'autrice risalente agli anni 80
Illustrazioni di una ricerca di storia di un parente dell’autrice risalente agli anni 80

Buttarsi nella ricerca di questa nota, persa fra le carte di un non ben precisato archivio, sembra quasi un’impresa impossibile. Di sicuro è un’impresa che non possiamo affrontare con il solo aiuto del web o dei libri, abbiamo bisogno degli archivi, che nel qual caso potrebbero essere l’Archivio della Audiencia de Manila e di quella del Messico, conservati al PARES. Una ricerca nell’inventario non riserva purtroppo sorprese: nelle descrizioni non vi è traccia del famoso « sad record » di Calderon Enriquez o di una nota del duca di Albuquerque. Tuttavia, potrebbe trattarsi di una mancanza degli inventari.

Più di cosi non posso fare. Ho ormai esaurito tutte le domande del mio questionario. Le fonti a mia disposizione mi hanno detto tutto quello che potevano dirmi.

A questo punto della ricerca, il nostro viaggio deve per forza fermarsi.  Schurz è allora la fonte d’informazione più « originaria » a cui siamo riusciti a risalire. Ma la ricerca del galeone perduto non finisce qui: gli archivi potrebbero riservare ancora delle sorprese e non perdo la speranza di poter ritrovare, un giorno, la fonte che sto cercando.

Bientôt sur les écrans

Ce  billet juste pour signaler la parution de deux documentaires qui ont pour sujet le monde minier français:

ENFANTS DU TERRIL

Créé par : Frédéric Brunnquell, Anne Gintzburger
Réalisateur : Frédéric Brunnquell
Auteur-scénariste : Frédéric Brunnquell, Anne Gintzburger
Image : Frédéric Brunnquell
Son : Marc Soupa
Montage : Laure Matthey

et

L’ÉPOPÉE DES GUEULES NOIRES

Réalisateur : Fabien Béziat, Hugues Nancy
Auteur-scénariste : Fabien Béziat, Hugues Nancy
Musique : Michel Korb
Image : Laurent Fénart, Dominique Gentil, Jean-Louis Laforêt, Charles Sautreuil
Son : Matthieu Daude, Jean-Christophe Girard
Montage : Fabien Béziat

Ils seront présentés en avant première au festival FIPA à Biarritz.

Ensuite on pourra voir L’épopée des gueules noires sur nos petits écran le 31 janvier à l’occasion d’une soirée dédiée à l’histoire minière française par la chaîne télévisée France 2.

Enfants du terrils sortira par contre février 2017.

En attendant ces deux œuvres, on peut retourner sur le La grande grève des mineurs de Louis DAQUIN sur la grève de 1963, disponible à la vision sur Ciné-archive , où on peut trouver toute une séries de documents cinématographiques liés au monde minier produits par le PCF, la CGT et d’autres organismes ouvriers.

Buona visione

Alla ricerca del galeone perduto #7

Forse Schurz non è la matrice.

La mia brama di conoscenza mi ha spinto troppo in là e ho ceduto al lato oscuro. Ancora una volta sono ritornata sui miei passi, insoddisfatta dall’inazione, frustrata nell’attesa della risposta dal FMSH.

anakin
Io nei momenti di #frustrazionedellostorico

Ho riposto ancora le mie speranze nella barra di ricerca di Googlebooks con questa query: « Everyone had perished of pestilence or starvation, and when sighted the silent galleon », la frase che veniva dopo l’estratto che non mi era permesso di vedere.

E…sorpresa!

content
Grazie Googleboks per questa magnifica risoluzione

Un altro testo emerge dai risultati.

Una rivista.

The Grace Log. Volumi 14-17 datato….1931.

8 anni prima del libro di Schurz.

Ora, la citazione di Schurz compare esattamente identica nel periodico. Quindi o quest’ultimo ha ripreso una pubblicazione di Schurz precedente al libro del 1939, o Schurz ha copiato pari pari il periodico.

Ma di che periodico stiamo parlando? Che cos’è questo The Grace log.?

Sede New Yorkese della WR Grace &Co
Sede New Yorkese della WR Grace &Co

Cerco il nome del periodico su internet ma non riesco a trovare nessuna pagina descrittiva, neppure wikipedia. Googlebooks mi dice che è pubblicato da W. R. Grace & Company, il cui nome sembra quello di una società, di un’impresa. Provo allora con il nome dell’editore. W. R.Grace & Company. E questa si rivela proprio una società che oggi si occupa di prodotti chimici. Ma allora perché scrivere un articolo sui galeoni di Manila?

At one time, Grace’s main business interest was in shipping.

wr-grace-co-adEcco perché.

La parabola della W.R. Grace & Co. sembra riprodurre lo stereotipo dell’impresa capitalista di fine ‘800:comincia nel settore dei trasporti e del commercio, si espande, si diversifica e si correda con le immancabili opere di filantropia. Ha un proprio giornale per gli azionisti, il The Grace log., sul quale si alternano articoli che celebrano le magnifiche sorti e progressive della compagnia con pezzi di cultura generale, aneddoti storici, curiosità in genere. Il tutto sempre legato alle varie attività della società. Una forma di pubblicità che, ad oggi, non è cambiata gran che.

Ora, anche questo periodico è visibile solo in un breve estratto su Googlebooks. Non posso leggere nemmeno il titolo dell’articolo o un eventuale autore. La cosa mi innervosisce alquanto. Bene, troviamo il maledetto periodico in una biblioteca. Worldcat vieni a me….Niente. Pare che nel mondo non esista più il volume del 1931.  E Sudoc questa volta non mi aiuta.

Ma….

1003bustamante01…la FMSH mi stupisce, di nuovo.

Possiede infatti nella sua collezione W.R. Grace & Co : the formative years : 1850-1930 di Lawrence A. Clayton. Vero è che si ferma al 1930, ma nella bibliografia potrei ritrovare citato il mio periodico. Finger Crossed. 🤞🤞🤞

In ogni caso bisogna capire se il The Grace log. abbia ripreso una pubblicazione di Schurz precedente al libro. Già dal 1917 Shurz scriveva articoli sul Galeone di Manila, quindi è possibile che l’aneddoto venga da l. Tuttavia in nessuno dei tre articoli di Schurz presenti su Jstor si fa menzione del galeone perduto [qui, qui e qui]

1593 Jode New World map - Estratto
1593 Jode New World map – Estratto

Continuando a cercare le pubblicazioni Schurz, mi imbatto persino nella sua tesi di laurea, disponibile in versione integrale  a partire da Worldcat. Unendo in una stessa query su Google i nomi di Schurz e del San José trovo anche la conferma che l’aneddoto sia legato ai suoi studi.  This is data mining, gentlemen.

Ma non trovo nulla sul San José o su un galeone perduto negli articoli di Schurz pubblicati prima del 1931 e a cui, eventualmente, il The Grace log. avrebbe potuto avere accesso.

Ci potrebbe essere però un’altra spiegazione: lo stesso William L. Schurz potrebbe essere l’autore dell’articolo sul periodico. Perché no? Una famosa impresa vuole dare ai suoi azionisti la possibilità di leggere articoli culturali di alto livello…perché non invitare uno storico, per di più dell’economia, a scrivere della materia di cui è specialista?

Ho la sensazione che troverò tutte le risposte nel libro The Manila Galleon, conservato alla FMSH, ma nemmeno i miei nuovi poteri oscuri possono nulla contro la monolitica burocrazia francese.

[to be continued]

Alla ricerca del galeone perduto #6

Schurz, 265-66

Un nome, due numeri.

Il primo riferimento bibliografico dopo settimane di ricerche infruttuose.

Tuttavia restano pur sempre un nome e due numeri, niente di più. Un riferimento all’anglosassone non corredato da bibliografia. Questo pone il problema di risalire allo Schurz giusto e all’opera precisa del suddetto Schurz, che a pagina 265-66 dovrebbe contenere la mia preziosa citazione.

Non so per quale fortunosa congiunzione astrale non esistono molti Schurz che hanno scritto opere vagamente connesse coi Galeoni di Manila, anzi, a dire la verità ce n’è uno soltanto (#tipiacevincerefacile).

william_lytle_schurz_the_michigan_alumnus_1916 William Lytle Schurz, nato in Ohio nel 1886 e morto a Phoenix nel 1962. Storico dell’economia (un collega!) specializzato nello spazio latino americano. Unica pagina wikipedia trovata: in spagnolo e parecchio scarna. Altre pagine mi dicono che ha insegnato in varie università americane e che la sua opera omnia è nientemeno che… « The Manila Galleon, his 1939 landmark study on the Spanish empire’s trans-Pacific commerce« .

I got it.

86280aSchurz, William Lytle, The Manila Gallion, Dutton, 1939.

Svariate edizioni, più di 40.

Almeno tre articoli derivati su Jstor, diverse recensioni, tutte positive.

Immagino dunque che debba essere un libro da veri storici, e dell’economia per giunta, quindi mi aspetto delle note precise e dettagliate.

Su Googlebooks ci sono 12 edizioni: alcune non disponibili in anteprima, altre presenti in frammenti. Tocca aprirle una ad una e cercare parole chiave dell’estratto. Le due parole più caratteristiche potrebbero essere Calderon Enriquez e la data, 1657.

E c’est parti.

Al quinto tentativo ecco apparire finalmente la citazione che cerco. Con 1657 riesco ad arrivare solo fino a un certo punto dell’anteprima, ma googlebooks non mi lascia aprire la pagina, cerco allora di raggirarlo con un’altra parola chiave, pestilence funziona (sarà un segno per indicarmi anche la causa della morte dell’equipaggio?).

Ma, con mio grandissimo disappunto non ci sono segni di apici che rimandino a note a piè di pagina. Delusione. Pero potrebbe ancora darsi che ci siano delle note di chiusura….

Per scoprirlo pero devo trovare il libro.

Preparandomi per l’inevitabile delusione, visto che si tratta di un libro del 1939 di un storico statunitense che non ha nemmeno una pagina su wikipedia in inglese, apro worldcat e lancio la ricerca.Come temevo la biblioteca più vicina indicata dal sito sta in Israele. Potrei fare un PEB, ma immagino lo sguardo omicida dei bibliotecari e mi passa la voglia.

La mia fortunosa congiunzione astrale si è già esaurita? Che tristezza, che vita grama…

In un impeto di sadismo, tanto perché lo so già che non lo troverò, accedo a Sudoc, la base dati delle biblioteche universitarie di tutta la Francia, e lancio la ricerca.

….guardo lo schermo, sono pietrificata.

Il libro c’è!

logofmshE per un non so quale stato di grazia, una delle due copie esistenti in Francia sta a Parigi, alla biblioteca della Fondation Maison Sciences de l’Hommes, ubicata in 190 Avenue de France, a due passi da Paris 7 e di cui HO LA TESSERA.

Sto aspettando
Sto aspettando

Tutta questa Fortuna però non poteva essere gratuita e la dea bendata è giunta inesorabile a chiedere conto: la mia tessera FMSH è scaduta a novembre e io non l’ho rinnovata. Tocca fare una procedura online e attendere la conferma di rinnovo a 48h dall’invio. Pago pegno. Ora non resta che attendere, impazientemente, che la procedura vada a buon fine.

Grazie Fortuna.

[to be continued]

 

 

 

Alla ricerca del galeone perduto #5

Come è possibile che il racconto del galeone perduto non sia altro che una storia di fantasmi? Come giustificare la presenza di questa storia nella letteratura scientifica? E’ davvero solo una leggenda? E allora, che cosa pensare di tutti coloro che hanno ceduto al suo fascino? E’ cosi facile cedere alla tentazione del meraviglioso e abbandonare la via della conoscenza scientifica?

Adesso lo apro, stolti!
Adesso lo apro, stolti!

Questa storia del galeone perduto mi sta sfuggendo di mano. Troppe porte sono state aperte, il vaso di pandora delle domande esistenziali è pericolosamente vicino a frantumarsi in mille pezzi.

Ritorniamo allora coi piedi ben saldi a terra, ben saldi alle note a piè di pagina, alle fonti. Chi ha citato questo aneddoto e come. Dobbiamo ritornare indietro e rileggerle, per riappropriarcene nuovamente.

Dobbiamo « disimparare ciò che abbiamo imparato ».

yoda-learn

Le cas le plus effrayant est celui du San Josè, que l’on retrouva en 1657 après plus d’une année en mer , dérivant vers le sud au large de la côte, sous Acapulco, chargé de cadavres de marins morts de faim et de soif, avec une cale rempli de soieries. Timothy Brook, Le chapeau de Vermeer.

Cuando el galeón de Manila “San José” pasa de largo el puerto de Acapulco (México) lo abordan con barcas frente a Huatulco (Oaxaca) y descubren que todo el pasaje está muerto y momificado, habiendo estado en el mar más de un año (según otra fuente se trataría del “Nuestra Señora de la Victoria”, salido de Cavite el 20 may 1656, que tras tocar las costas de Tehuantepec zarparía erróneamente hacia el S y guiado por los vecinos hacia el golfo de Fonseca lograría fondear en Amapala (hoy Pueblo Viejo; munic. La Unión; El Salvador) el 29 may con 150 muertos).  Cronologìa Historìca.com

Rappelons le cas du galion Nuestra Señora de la Victoria qui en 1657 passa au large d’Acapulco et qui, poussé par les courants, arriva ensuite au large de Huatulco: à bord, on ne trouva que des squelettes. Beatriz Palazuelos Mazara, Acapulco et le Galion de Manille, la realité quotidienne au XVIIe siècle.

In 1657, the entire crew of the San Jose were reported to have died and the ship was found drifting off Guatulo below Acapulco. The San Jose had left more than a year before. All itsprovisions were gone and there was no one on board who could lift a hand to rope or wheel. Everyone had perished of pestilence or starvation, and when sighted, the silent galleon with her freight of silks and cadavers was driftingsouthward into the tropics. Rolando G. Talampas,Life and Times of Filipino Seamen During the Period of Spanish Colonialism.

15658744_10206568962097674_1031341870_oOn one of two Manila galleons sailing jointly in 1657, all 450 people aboard succumbed to a smallpox epidemic. About half of the 400 aboard the other galleon also died. California State Land Commission Archive, Calendar Item n.27 Salvage Permit.

[parlando di imprevisti aumenti di durata del viaggio] This presumibly accounts for the appearence of a « ghost » galleon off the coast of Guerrero in 1657 with not a single member of the crew of passenger left alive after a year at sea. Greg Bankoff,Wings of Colonisation.

nigerdelta_nasaQueste sono solo alcune delle decine di citazioni dell’episodio reperibili su internet da siti, blog, documenti di ogni genere, amatori e studiosi, cacciatori di tesori e siti di archeologia subacquea, storici di professione e appassionati. L’informazione sembra essere giunta a ogni tipo di pubblico, ma la proliferazione e la disseminazione non nascono dal nulla e risalendo il flusso dei tanti rivoli di questo fiume arriveremo alla sorgente. Consapevoli del saggio ragguaglio di Marc Bloch, padre spirituale di tutti gli storici, sappiamo che l’origine non è un punto preciso, non è una causa, ma è una matrice.

Ora a guidarmi non è più il desiderio di sapere se la nave fosse la San José o la Nuestra Senora de la Victoria, ma è quello di cercare la fonte, quel pezzo di carta che, disperso in un archivio da qualche parte nel mondo, racconta per la prima volta del galeone perduto nel Golfo di Fonseca, un giorno di maggio del 1657.

Ci siamo, quasi
Ci siamo, quasi

Ma da nessuna parte riesco a trovare qualcuno che mi aiuti. Nessuno di quegli storici, studiosi e appassionati suggerisce dove ha letto di quel galeone…

…mi muovo alla cieca, seguendo l’istinto…

…quando infine, nel fondo della pagina del blog La América Española, trovo questo:

https://sites.google.com/site/manilagalleonlisting/16th-century

Un altro registro di partenze e arrivi dei Galeoni di Manila, diviso per anni, ogni informazione referenziata con la citazione della fonte. Sto guardando nello schermo le porte del paradiso e quasi non oso fare clic per entrarci.

Ma alla fine, un gradino dopo l’altro, una sottocategoria dopo l’altra, arrivo al mio documento. Tiro un bel respiro, lo apro e…….


Galleons, 1657

Conclusions:

Arrival, Manila, none.

Departure, Manila, ?the San José.

Arrival, Acapulco, ?the San José.

Departure, Acapulco, none.

Data drawn upon: Atmospheric Circulation Changes, WWW site, p. 20, Ruta Acapulco-Filipinas: unambiguous statement, “NO HAY SOCORRO.”

Dahlgren, no data.

Schurz, 265-66: “The most extreme case [of illness and death, Manila to Acapulco] was that of a galleon of the same century [17th], which was picked up off Guatulco below Acapulco, past which port she had drifted helplessly.  All on board were dead, as in the derelict ships of the Black Death.  The sad record the judge, Calderón Enríquez, found long afterwards in the archives at Acapulco.  This was probably the San José, first of her name, of whose dolorous voyage Viceroy Albuquerque informed the king on the day in 1657 when a courier had just reached Mexico with news of the galleon’s belated arrival at Acapulco.  She had left Manila more than a year before.  All her provisions were gone and there was no one on board who could lift a hand to rope or wheel.  Everyone had perished of pestilence or starvation, and when sighted the silent galleon with her freight of silks and cadavers was driving southward into the tropics.”  I put the data from this strange voyage under this year of 1657, but I am not confident of the date nor of the incident itself.


L’ho trovato.

Ho trovato la matrice.

[to be continued]